Scuro?

Io, Kawase, e “quella cosa”, un’estate